lunedì, gennaio 16, 2012

La presenza. Il pensiero. Eppure resta sempre qualcosa che manca all'appello, qualcosa che ogni giorno desidero e che non riesco più a trovare. Qualcosa che mi viene promesso e raccontato e da qualche tempo non mi viene più elargito, chissà perché.
E io mi sento di nuovo così terribilmente, terribilmente, triste e inadeguata.

Etichette: ,

3 Comments:

Blogger stefano said...

Uhm... l'arrivo di un nuovo post qui é sempre foriero di increspature nel tuo scorrere. Spero che sia solo una corrente passegera e che possa presto essere piú felice di ora. Ah! Piccola perla di saggezza inventata or ora per l'occasione: non ne vale mai la pena di restare triste per piú di sedici ore se non ne conosci la ragione. Tanti baci, Maria.

18 gennaio, 2012 22:21  
Blogger Maria said...

Stefano caro, le tue perle di saggezza sono sempre bene accette.
Un abbraccio forte :)

23 gennaio, 2012 01:35  
Anonymous Anonimo said...

Caro Pagliara, purtroppo ben pochi giornalisti (ma di che statura) hanno avuto il coraggio di occuparsi di questa nuova ignominia. Lei, come sempre, è in prima linea, e tutti coloro che vogliono difendere la libertà e la civiltà non possono che essergliene grati. Facciamo bene attenzione e pensiamo a quanto è successo 70 anni fa; facciamo in modo che certe vergogne non si ripetano. Ma per far ciò ci vogliono tanti come lei. .Grazie e cordiali saluti .Emanuel

19 maggio, 2013 14:21  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home