martedì, gennaio 15, 2008

A volte

Ti immagino, a volte. Un tavolo pieno di carte, di libri ammonticchiati, di penne nere e di matite corte; e tu chino che leggi, scrivi, scarabocchi. E sempre così: con la tapparella abbassata e una luce giallastra, malata. Solo. In una stanza sottratta al tempo. In una solitudine che non ti appartiene. Ti vedo, a volte. Proiettato sul nero delle palpebre chiuse. Sei un criceto in gabbia e non ti hanno concesso neppure la ruota. Il tuo sguardo impercettibilmente convergente e all'ingiù si addice perfettamente a questa senilità prematura che ti è stata imposta. Eppure, le tue pupille, nere punte di spillo, graffiano il reale e ne raccolgono quanto più è possibile. Mi appari così: rassegnato, ma senza disperazione. Coraggioso, come l'eroe che sa di doversi sacrificare e continua a sperare che non sia necessario. Ti immagino, a volte.

Listening to:
Roba di Amilcare - Paolo Conte

Etichette: ,

5 Comments:

Anonymous enzo said...

Papà?

15 gennaio, 2008 19:09  
Blogger Maria (a.k.a. LaMusa) said...

No, niente affatto.

15 gennaio, 2008 19:14  
Blogger Fabrizio said...

Hemingway?
(Non lo so, mi si è focalizzata questa immagine!)

15 gennaio, 2008 21:06  
Blogger Maria (a.k.a. LaMusa) said...

No, non hai indovinato neppure tu.

15 gennaio, 2008 21:25  
Blogger Fabrizio said...

Ok, allora non continuo... ;)

15 gennaio, 2008 22:52  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home