mercoledì, novembre 19, 2008

Malinconica consapevolezza

Sarò vigile, ma non aspetterò. Detesto confidare nell'ineluttabilità degli eventi e il determinismo mi ripugna. Non sopporto il pensiero che esista il destino e che gli esseri umani siano eterodiretti da forze superiori e invincibili i cui piani non è possibile deviare se non in maniera impercettibile. E non credo nemmeno nel caso. Credo nella volontà e la volontà non ha bisogno del gps.
Ho atteso per troppo tempo con fiducia rassegnata che le cose imboccassero quella che sembrava potere e dovere essere l'unica strada, ma, per quanto sia ben disposta ad accettare che a volte i cammini debbano essere tortuosi e che certe verità non siano sempre a portata di mano e che prima di cercare qualcosa si debba capire di esserne privi e che a volte questa consapevolezza arrivi in ritardo perché persiste una sindrome simile a quella dell'arto fantasma, credo che ormai anche il più arzigogolato dei percorsi sarebbe stato completato, se solo lo si fosse intrapreso. E non vedo perché io dovrei rimanere immobile all'arrivo se chi avrebbe dovuto partire non si è preso la briga di farlo.
Sarò vigile, perché - anche se il caso non esiste - le volontà sono molte e molte variabili possono generare imprevisti, ma non aspetterò perché una volontà immobile non è altro che una resa silenziosa, un lutto che non esplode mai e che, proprio per questo, non potrà mai cicatrizzarsi ed io, invece, penso che adesso sia il momento di guarire.

Listening to:
Cataracts - Andrew Bird

Etichette: ,

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home