mercoledì, giugno 17, 2009

"...io sogno che dormo, io sogno che sogno."

Dopo anni di fare affannoso, di impegni affastellati gli uni sugli altri e scadenze e giornate scivolate sempre troppo in fretta rispetto alla mole delle cose da terminare, mi accorgo dell'inutilità e del peso dell'affrettarsi e affaccendarsi sempre e solo per sé o per il dovere. Sono piccoli e preziosi momenti di ozio e silenzio, mentre la luce vira al violetto e scende già l'umido della sera, a svelare l'inganno, a ridimensionare ogni altra cosa. E sono questi momenti, questo brevissimo tempo, quelli in cui esistere ha davvero un senso, sono il tempo che non è mai sprecato anche se pare non produca niente. E all'improvviso il resto è solo un'attesa, una resistenza necessaria, la lunga coltivazione dell'attimo che verrà, la rievocazione del momento passato in cui si è colto quel baluginio, il ricordo di un odore o di una stretta, l'inclinazione di una luce, strategie diverse per ingannare i pomeriggi troppo lunghi, far maturare le mattine o accompagnare le serate propiziando il sonno.

Listening to:
Beloved one - Ben Harper

Etichette: ,

1 Comments:

Blogger stefano said...

cIAO mARIA. sONO RILASSANTI i tUOI uLTIMI poST. sONO fELICE cHE sTAI pASSANDO uN pERIODO cOSÍ. uN bACIO. s.

18 giugno, 2009 13:10  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home