sabato, giugno 23, 2007

Serenità


Sarà il sole, o l'azzurro del cielo un po' meno smorto del solito, o Guccini che gira nel lettore mp3; o che stamattina mi sono svegliata presto, ma non perché ha suonato la sveglia e ho finalmente ritrovato la gioia di quei risvegli in cui è la luce che filtra dalla tapparella a dirti che è ora di alzarsi. Sarà che anche oggi c'è un po' di brezza; o che gironzolando sul web ho letto una vecchia intervista a Marco Parente, che mi ha fatto ricordare la meravigliosa "Michelangelo Antonioni" di Caetano Veloso. Strano che l'avessi dimenticata: ho perfino il disco in cui è contenuta. Ma forse è perché sono passati sette anni dall'acquisto...
Sarà il colore intenso delle petunie, oppure la farfalla che stamattina mi volava accanto...
Listening to:
Quattro stracci - Francesco Guccini

Etichette:

2 Comments:

Blogger stefano said...

Sono tristetriste. E ogni volta che lo dico divento piu' triste. Vorrei smettere di dirlo per stare meglio ma non ci riesco. Sto diventando un pesantone, uffa... baci (non ti preoccupare)

24 giugno, 2007 02:14  
Anonymous Danilo said...

...La serenità, è spesso, l'inconsapevolezza di ritrovarsi abbagliati dalla solarità di un satellite, e dalla brezza leggera che ci lascia attoniti ed alla ricerca di un amore...

Grazie a tutti.

24 giugno, 2007 16:38  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home