martedì, novembre 06, 2007

Buon viaggio

Potrei scrivere in terza persona, sarebbe di certo più "professionale", ma qui non si tratta di professionalità: il motivo che mi spinge a scrivere di te e per te è l'affetto. Un affetto spontaneo che ho provato dalla prima volta in cui ho visto una tua trasmissione con un minimo di consapevolezza. Era il 1995, avevo dodici anni e c'era un nuovo programma nel quale un ometto canuto ogni sera dopo il Tg1 raccontava di fatti e persone in maniera sobria ed asciutta, ma senza tralasciare l'ironia e perfino il sarcasmo alle volte. Lo studio era spoglio, ridotto all'essenziale: solo una scrivania ed una sedia, nessun altro fronzolo. Quell'uomo bianco ed occhialuto eri tu, caro Enzo. Credo di non aver mai perso una puntata de "Il Fatto" e mentre quasi tutti i miei coetanei guardavano "Striscia la Notizia", io me ne stavo davanti al teleschermo ad ascoltarti in religioso silenzio, fidandomi di tutto quello che dicevi.
Mi sei piaciuto sempre così tanto che scherzando (neanche troppo, in verità) ho più volte detto che eri il mio uomo ideale: pacato, intelligente, curioso, pungente al momento opportuno, coraggioso, cortese, onesto. Non nego che se oggi incontrassi un ragazzo con le tue qualità potrei perdonargli la bruttezza e innamorarmene perdutamente. Ti ho ammirato e voluto bene come si vuol bene ad un nonno. Tu eri il mio nonno mediatico, un nonno mai incontrato eppure così presente, un nonno che mi spiegava l'Italia e il mondo e mi raccontava i suoi personaggi, un nonno fiero di essere stato partigiano e orgoglioso di essere testimone e narratore del suo tempo, un nonno schietto e per nulla snob che non si compiaceva di risultare oscuro alla casalinga o al pensionato con la licenza elementare. E sei stato un esempio di libertà, perché non hai mai avuto - come amavi dire tu - nessun padrone all'infuori dei lettori o dei telespettatori, perché ti piaceva la TV di Stato e non quella governativa, perché non sei mai stato servo della politica e hai reso un servizio importantissimo agli italiani, ai quali hai raccontato per più di mezzo secolo piccoli fatti e piccole storie che hanno fatto la Storia.
Oggi mi sarebbe piaciuto essere a Milano ed incontrarti, (anche se in questa circostanza piuttosto infelice), e magari sussurrarti un grazie perché nell'adulta che sono diventata c'è anche del tuo. Ho sempre pensato che sia fondamentale ascoltare gli anziani per cercare di carpirne la saggezza e conquistare una visione prospettica delle cose che noi giovani, infinitamente meno esperti, non possiamo avere, e a tale scopo i soggetti ai quali mi sono rivolta sono stati i miei nonni. Purtroppo, uno di essi non l'ho mai conosciuto, ma devo dire che tu sei stato un supplente davvero eccellente.
Ti voglio bene.

Etichette: , , , ,

1 Comments:

Blogger Fabrizio said...

Sottoscrivo.

06 novembre, 2007 21:23  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home