sabato, novembre 24, 2007

Deliri umidi

Piove senza sosta. Da giorni. Torino sembra iniziare a rammollirsi da quanto è annacquata e se continua così finirà per sfaldarsi a poco a poco. Un pezzo alla volta. Che meravigliosa fine sarebbe per questa città spocchiosa e provinciale. Non una solenne esplosione, né un maestoso incendio, e neppure l'imponente violenza di un terremoto: solo un lento disfarsi, un incessante trasformarsi in poltiglia sudicia. E alla fine di Palazzo Madama e Mirafiori, di Via Po e del Valentino, della collina e di Piazza San Carlo resterebbe solo un cumulo di pappetta fuligginosa e ammuffita.

Listening to:
Sotterraneo - Bluvertigo

Etichette: , , , ,

4 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Michia maria che orrore...e proprio oggi che ti ho detto che forse tra un pò salgo ti vengono questi brutti pensieri???poi mi si gonfiano i capelli...valina

24 novembre, 2007 20:21  
Anonymous Anonimo said...

Ciao Maria!!
Volevo solo lasciarti un saluto...
Da domani tempo in miglioramento al nord, ma freddo in arrivo. Cheer up! ;)
Buona domenica!!
Laura (l'amica di Minno)

25 novembre, 2007 00:04  
Blogger Maria (a.k.a. LaMusa) said...

Non sono cattivi pensieri, diciamo che è un incipit. Ultimamente ho letto uno scritto sulle città ed il modo di raccontarle e mi è venuta voglia di provare a scrivere una storia di fiction su Torino, (l'unica città in cui abbia vissuto: per mantenermi fedele al precetto hemingwaiano di scrivere solo di ciò che si conosce). Non so come e se andrà avanti.

25 novembre, 2007 00:17  
Anonymous Anonimo said...

Come inizio catastrofico non c'è male, e con quello che piove in effetti nn mi stupirei di veder scigliersi qualcosa vicino a me. Noi "milanesi" siamo navigati a settimane di pioggie acide.
Baci Mimmo

25 novembre, 2007 14:07  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home