mercoledì, febbraio 17, 2016

Presenze

Notte. L'aria è calda come in un'avanguardia di primavera e il tempo febbrile come in una vigilia di promesse. Il buio è un grembo, che attutisce lo stridore del vivere e culla segreti inconfessabili, concedendo loro il rango di speranze. Rango che perderanno non appena la caffettiera fumante dichiarerà ufficialmente l'inizio di un nuovo giorno, per ritornare a passo di gambero in qualche angolo recondito in attesa di un'altra notte di libertà. 

Il genius loci di questa casa non è mai cambiato e la sua presenza è a tratti opprimente come un'infestazione, eppure così cara, così irrinunciabile. Nei momenti di silenzio e solitudine pare che si diverta a disseminare tracce, indizi che lentamente e con pazienza ricompongono mosaici sepolti sotto gli anni accumulati. Ed ecco che rispunta una frase, un'immagine, una canzone. E tutto sembra così pericolosamente vicino e disperatamente (o provvidenzialmente) inafferrabile.

Mentre mi ubriaco di nostalgia per quel che era e quel che ero, le ore sull'orologio lampeggiante ritornano a una cifra e le domande crescono in scala esponenziale, ma in una traiettoria asintotica rispetto alle risposte. Il pensiero e il cuore, allora, se ne vanno a briglia sciolta verso l'unica destinazione per loro possibile, sgravati dal senso di irreparabilità che soffoca la routine quotidiana. 

Se sia più un'urgenza indomita o una fiera immaturità, una strenua coerenza o un ridicolo vaneggiamento, non ho ancora avuto il coraggio né l'intelligenza di distinguerlo.

Listening to: 
Wound - The Smashing Pumpkins

Etichette: , ,

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home