martedì, marzo 08, 2016

Anche nelle mattine grigie in cui l'assenza di vento non pungola le nuvole, che restano mollemente distese a fare da coperta al sole. O nei pomeriggi di afa, nei quali l'asfalto regala miraggi a buon mercato. O nelle notti senza luna, in cui il buio è spesso come un muro e risveglia solitudini e paure ancestrali. Anche allora il tempo passa, inarrestabile. Un'ora dura sempre sessanta minuti, un minuto sempre sessanta secondi.

L'ineluttabilità del divenire è una certezza precisa come un'incisione chirurgica fatta da mano ferma ed esperta. Una certezza disperante e consolante insieme. Nessun momento felice durerà per sempre ma neppure il dolore è permanente, solo il ricordo può tentare di allungarsi, di stirarsi verso il futuro, di trascendere perfino la vita del singolo e abitare altre vite. 

Il ricordo partecipa dell'infinito ed è questo a farne al contempo redine e trampolino.

Listening to:
Blue in green - Miles Davis

Etichette: ,

0 Comments:

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home