martedì, gennaio 30, 2007

Aunque pareciera un relámpago…

Non chiedo che le mie parole abbiano le ali, né che i miei desideri abbiano le gambe. So già che non avrebbero la forza di andare da nessuna parte. Non chiedo che le mie mani smettano di tentennare e i miei occhi di abbassarsi. Le mie guance infuocate denuncerebbero comunque ogni imbarazzo. Non chiedo e non spero che i miei sorrisi smettano di scontrarsi con superfici respingenti. Non esiste qualcosa in grado di assorbirli e poi di restituirmeli sempre uguali e sempre nuovi. Non desidero. Non pretendo. Tutto ciò che ho l’ardire di attendere lo tengo per me, nascosto, protetto, al sicuro. Non oso urlare, neppure sussurrare.

Listening to:
Ojalá – Silvio Rodriguez

Etichette:

2 Comments:

Anonymous maria strofa said...

Post bello un bel po'.

ciao

30 gennaio, 2007 19:09  
Anonymous Aura said...

"Non chiedo e non spero che i miei sorrisi smettano di scontrarsi con superfici respingenti.
Non esiste qualcosa in grado di assorbirli e poi di restituirmeli sempre uguali e sempre nuovi."...peccato sia così!!!
Cmq è "colpa tua" se ascolto Benvegnù... ^_^
Vasata

30 gennaio, 2007 21:23  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home