martedì, giugno 05, 2007

A ruota libera

C’è qualcosa che si agita freneticamente e che si sta mangiando tutto il resto. Non ho abbastanza tempo e spazio per nient’altro, neppure per me stessa.

Ci sono cose che vorrei scoprire e che, invece, rimangono nascoste. Occultate in luoghi impenetrabili, se ne stanno guardinghe per non farsi neppure scorgere. Non importa quanto le invochi: hanno deciso di non mostrarsi mai, di non lasciarsi neppure intravedere.

Le supposizioni fanno la guerra con le certezze e i dubbi con le speranze. Il terreno dello scontro di questo conflitto di tutti contro tutti è pieno di cadaveri straziati. E le fazioni in lotta fanno tutte capo a me ed anche il campo di battaglia mi appartiene.

Una lunga serie di giornate ugualmente inutili e ripetitive sta soffocando l’odore dell’estate sotto uno strato spesso di polvere grigia e non ho la forza di scrollarla via.

Sono troppo debole e troppo ingenua. Ho passato troppo tempo a pensare e ad immaginare e può darsi che sia stato tutto uno spreco.

Un giorno mi sveglierò e forse sarò più forte, ma è più probabile che accada il contrario e mi scopra ancora più fragile.

Listening to:
Goccia – Cristina Donà

Etichette:

1 Comments:

Blogger stefano said...

Ciao, Maria. Se pure un giorno ti svegliassi scoprendoti piu' fragile di ora, non aver paura, ché la gente forte non é mica piú felice, anzi. Magari sarai piu' fragile e pìu' felice, piú fragile e piu' felice... P.S. Ho avuto paura questo weekend, un bacio...

05 giugno, 2007 14:03  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home