martedì, aprile 10, 2007

"Sopporto le prediche di chi razzola male e incanta..."

Sono, come dire...divertita. Il mio piglio blasé mi porta a guardare le cose con l'adeguato distacco, pertanto gli accadimenti dell'ultimo periodo mi sembrano solo la manifestazione (affatto naïf, tra l'altro) di cose che avevo già da tempo preconizzato e che, in virtù di ciò, non mi sorprendono. Ancor meno mi sorprendono i maldestri tentativi di ostentazione di distacco ai quali ho assistito. Il disincanto è una facoltà che va esercitata e affinata con una solida cultura ed uno stile nitido e sorvegliato. Giocare con le parole, ed ancor più con i toni, non è da tutti. Se non si dosano bene gli ingredienti il risultato è tutto fuorché credibile e si rischia di suscitare pena piuttosto che rispetto, inoltre, se non si è attentissimi alle proprie mosse, il rischio di rivelare inconsciamente qualcosa di alquanto sconveniente, (che potrebbe anche risultare controproducente), è altissimo. Le parole sono peggio del fuoco se non le si sa maneggiare. Scottano molto di più e non possono essere domate dall'acqua...
Eppure, ad essere sincera, c'è qualcosa che mi infastidisce. Sono sempre più sconcertata dall'epidemica incapacità di interpretare correttamente la semantica dei messaggi verbali. Oggigiorno non ci sono più i riceventi di una volta!

Listening to:
Puramente casuale - Carmen Consoli

Etichette:

2 Comments:

Anonymous Aura said...

Sono cambiati emittenti, riceventi, codici, canali, contesti e contenuti...adesso come adesso esistono troppe varianti...e ognuno deve captare come vuole.
Vasata ^_^

10 aprile, 2007 20:36  
Blogger stefano said...

Lo sai, è prorpio vero che tornare(è stato bello tornare a casa) ci aiuta un po' a capire. Spero che ti sia fatta un bel pieno di energia anche tu. Baci...

11 aprile, 2007 15:41  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home