sabato, agosto 18, 2007

Hide and Seek

Questo paese è un gigantesco campo da gioco, teatro mutevole di un nascondino infinito. Ho finito di contare da tanto, e da troppo vago e sposto massi ed apro porte e cerco in angoli bui e dietro tende e muretti, ma non riesco a trovare. Il gioco mi ha stancata, arranco, mi trascino. Ho visto il sole tramontare e sorgere e poi di nuovo tramontare e poi di nuovo sorgere, centinaia di volte. E mai nessuno è venuto a richiamarmi, a dire «La cena è pronta, torna a casa, basta giocare!».
In fin dei conti la verità è che non ho nessuna voglia di abbandonare il campo, che ho bisogno di continuare a giocare senza sosta, perché non riesco a smettere di coltivare una fragile speranza di riuscire prima o poi a trovare. E il tempo non mi manca, almeno credo.

Listening to:
Suggestionabili - Paolo Benvegnù

Etichette:

2 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Il tempo non macherà mai. Poi, in questa unica vita che abbiamo, l'unica salvezza per non cadere nella banalità del "vivere normale" è proprio questo stato perenne di alienazione che riusciamo a mantenere senza tanto impegno....

19 agosto, 2007 19:17  
Blogger Maria (a.k.a. LaMusa) said...

A costo di essere ripetitiva vorrei chiedere nuovamente a coloro i quali commentano i post di firmarsi. In fin dei conti non costa nulla...
Grazie

19 agosto, 2007 20:45  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home