venerdì, giugno 06, 2008

Lo humor e la condizione femminile

Avere il senso dell'umorismo è dannatamente problematico quando il tuo aspetto non è consono ad esso: pare sia uno dei miei difetti più grandi. E' un problema in primo luogo perché, (prima ancora di arrivare alla questione dell'aspetto fisico), la maggior parte degli uomini ritengono che sia un loro esclusivo diritto divino essere ilari: loro fanno le battute e tu devi ridere, viceversa non è possibile. In secondo luogo, per gli uomini le donne si dividono essenzialmente in due categorie - è una verità scientifica supportata da numerose evidenze e pertanto incontrovertibile - che molto elegantemente definirò fuckable e non-fuckable. Nella seconda categoria rientrano nell'ordine: le consanguinee, le "cozze", quelle ridicole e (per qualcuno) le sciattone; tutte le altre donne si iscrivono nella prima, (comprese le "amiche"), seppur con diversi coefficienti di fuckability, questo è chiaro. Visto che gli uomini non capiscono (o sono spaventati?) dallo humor femminile e, incapaci di concepire che si possa ridere per voi e non di voi, fanno l'assurda equazione divertente = ridicola - sì, è così, ragazzi non negate che vi cresce il naso...ehi, ho detto il naso!!! - l'ironia è una qualità che farebbe scivolare perfino Pamela Anderson nella categoria non-fuckable. E mentre sono sempre disposti a perdonare il vostro umorismo se siete brutte, perché tanto eravate già non-fuckable (anzi, magari lo troveranno perfino apprezzabile e intrecceranno con voi una simpatica amicizia, anche perché, sappiatelo, così potranno risparmiare un sacco di fatica segnandosi le vostre battute che useranno poi per fare colpo su altre donne...), vi faranno pagare cara l'essere ironiche e carine semplicemente iniziando ad ignorare che siete l'ultima cosa.
Ecco, io non sarò una bellezza da calendario, ma non credo di essere nemmeno una "cozza" ed ho sperimentato più volte come gli uomini perdano immediatamente interesse in me dopo aver ascoltato le mie battute anche quelle assolutamente valide. E' per questo motivo, credo, che ho un sacco di amici e che tutti mi percepiscono come una di loro e si sentono liberi di comportarsi con me come mai si comporterebbero con una donna...

Listening to:
Dove si va da qui - Afterhours

Etichette: , , ,

8 Comments:

Blogger Fabrizio said...

Gli uomini?! Ahem, non generalizziamo! ;)

06 giugno, 2008 21:44  
Blogger Maria (a.k.a. LaMusa) said...

Non sto generalizzando, è proprio così: ho una certa esperienza in materia, purtroppo...

06 giugno, 2008 22:11  
Anonymous Anonimo said...

Parere che capisco ma del tutto sindacabile stavolta cara mia mi sa che hai fatto di tutta l'erba un fascio!!
ciaz by Mimmo

07 giugno, 2008 14:07  
Anonymous Anonimo said...

Altro blog azzeccato!!! cmq non è del tutto vero quello che hai detto...è molto apprezzata l'ironia femminile e può diventare un valore aggiunto x chi non è bellissima...x quanto riguarda l'essere "fuchable" invece l'ironia non conta un bel niente...bacio valina

07 giugno, 2008 17:08  
Blogger Fabrizio said...

Ovviamente non discuto le tue posizioni ma mi sento, per ciò che è esclusivamente la "linea generale" e non la tua visione personale, di "controbatterle" dicendo che a me e, ad occhio e croce, ad altri tre o quattro miei amici (presi da un insieme piuttosto ristretto), non fa altro che piacere quando conosciamo una ragazza che sa fare dell'ironia.

Ti dirò di più: una notte di cinque anni e quattro mesi addietro, ed i giorni che seguirono, rimasi incredibilmente colpito dall'humor di quella che, dopo qualche mese, sarebbe diventata la mia ragazza.

Spero di non essere troppo invasivo ma dato che sei mia amica penso di potermelo permettere: non è che per una serie di sfortunate coincidenze hai saturato il tuo spazio campione di persone che, davvero, rientrano negli stereotipi del tuo post?

08 giugno, 2008 00:57  
Blogger Maria (a.k.a. LaMusa) said...

Lo ammetto: il vero problema sono io. Perché gli uomini, visto il mio aspetto si immaginano che non sia cinica e sarcastica e quando scoprono che lo sono è come se qualcosa nella mia immagine si incrinasse e divento una buona solo come amica...
Ad ogni modo, al di là del mio caso specifico, ho potuto constatare più volte che per la maggior parte agli uomini non piace una donna che li faccia ridere a meno che loro non siano altrettanto ilari per poterle tener testa. Ma tu, mio buon Fab, ilare lo sei eccome!

08 giugno, 2008 01:47  
Anonymous Alessandro said...

Cara Maria, mi cadi nella generalizzazione; eppure, con conoscenze del calibro di me e Fab (tanto per citarne due...) non avresti dovuto farlo... Andando fuori tema, credo che io (fancù la modestia...) e altri pochi possiamo dire di fare parte di una riserva indiana in cui difficilmente le donne vanno a pescare (e, quelle che lo fanno, possono dire di avere molto più occhio delle altre...), dato le lamentele che sento in giro.
Io, personalmente, apprezzo l'ironia femminile che, più di ogni altra cosa, riesce a capirci e a metterci a nudo tirando fuori i nostri lati peggiori e ridendoci su; e l'uomo intelligente è quello che ride insieme alla sua donna. La mia donna è parecchio ironica, mi punge peggio di una vespa e ogni volta a ragione; ed io non posso fare altro che farmi una risata aspettando il momento giusto per risponderle con un colpo di fioretto: è questa secondo me la perfezione.
Per quanto te (ma è un discorso generale...) ci si creano sempre delle aspettative su qualcuno che poi, nella maggior parte dei casi (ed io lo so bene per svariati motivi...), vengono puntualmente tradite costringendoci a crearci da capo l'idea di una persona che magari non avevamo mai nemmeno davvero conosciuto. E poi, personalmente, il cinismo e il sarcasmo non li vedo due fattori necessariamente negativi...

09 giugno, 2008 17:30  
Blogger Marco said...

La caratteristica che apprezzo di più nelle persone (uomini o donne che siano) è quella di non prendersi troppo sul serio.

15 giugno, 2008 11:15  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home