domenica, gennaio 07, 2007

En attendant...

L'illusione dell'azzurro è preferibile alla certezza fangosa e stagnante di una pozzanghera. Se la guardi da lontano per un attimo il cielo è lì, in quel piccolo solco pieno di acqua piovana.
Così è per tutte le cose. Se riuscissimo ad evitare di avvicinarci fino al punto di vederne il fondo sarebbe una conquista di portata storica. Ma siamo animati da un demone che, come una calamita, ci porta a farci sempre più prossimi al nostro oggetto di osservazione, fino al punto in cui si vedono tutte le meschinità e le imperfezioni di questi fardelli transeunti che ci portiamo dietro e che siamo noi stessi...
Il tempo dell'illusione è una benedizione della quale comprendiamo la grazia solo nel momento in cui, ormai svegli, dopo esserci stropicciati gli occhi per vedere più chiaramente, ci rendiamo conto che si è dissolta ed ha sublimato il suo incanto.
Eppure, rimanere per sempre in attesa, prigionieri delle lusinghe di un'illusione è il peggiore dei mali che possa capitarci. Bisognerebbe trovare un giusto mezzo, un compromesso tra sogno e realtà e, se si sceglie la realtà, se si sceglie di avvicinarsi alla propria meta, essere pronti ad accettare che probabilmente una delusione è dietro l'angolo, pronta a tenderci una trappola mortale. Ma, in fin dei conti, è meglio cadere nel pozzo e scoprire cosa c'è al fondo - per quanto dolore ciò possa causare - piuttosto che stare per tutta la vita affacciati all'orlo domandandosi cosa ci sia lì sotto...

Listening to:
Grace - Jeff Buckley

Questa riflessione trae ispirazione dall'ultimo post di Aurora

Etichette:

3 Comments:

Anonymous Aura said...

A volte, si rimane talmente affascinati da quella pozzanghera che non si riesce a smettere di ammirarla...e solo poi ti accorgi che, mentre inizi ad avvicinarti ad essa, una leggera brezza ha modificato tutto...l'immagine si spezza e diventa confusa. In fondo è un momento...ma dentro quella visione è allungato. A noi tocca soltanto attendere...
La speranza cammina sempre con me...è la mia compagna da quando cammino, ma ogni tanto è giusto lasciarla riposare tra le proprie braccia, non trovi? ^_^
Vasata...

07 gennaio, 2007 22:20  
Anonymous stefano said...

Il problema con le pozzanghere e' che quando le tocchi l'immagine che contengono tende a distruggersi e riconoscere in quei cerchi nell'acqua cio' che hai amato fino a un secondo prima e' difficile, a volte persino troppo magico da sopportare...

07 gennaio, 2007 22:25  
Anonymous Anonimo said...

Io ho scelto di lanciarmi nel pozzo. Vedremo se sul fondo c'è l'acqua a salvarmi... baci SpiderMiNNo

08 gennaio, 2007 19:52  

Posta un commento

Links to this post:

Crea un link

<< Home